L’Holter Cardiaco

Cosa è l’holter cardiaco?

L’Holter cardiaco, noto anche come elettrocardiogramma dinamico secondo Holter, rappresenta un avanzamento significativo nella diagnostica cardiaca, permettendo una registrazione continua dell’attività elettrica del cuore per un periodo prolungato, di solito 24 ore. Questo esame, completamente non invasivo e indolore, utilizza un piccolo dispositivo portatile, che il paziente porta con sé durante le attività quotidiane. Collegato al torace mediante elettrodi e speciali piastrine adesive, l’Holter registra ogni singolo battito cardiaco, fornendo un quadro dettagliato del funzionamento del cuore fuori da un ambiente clinico. La capacità di monitorare il cuore per un intero giorno permette di catturare anomalie che potrebbero non manifestarsi durante un controllo ambulatoriale più breve, come un elettrocardiogramma standard (ECG) eseguito in un contesto medico.

A cosa serve l’holter cardiaco?

Il principale utilizzo dell’Holter cardiaco è l’indagine approfondita delle aritmie e di sintomi che possono indicare problemi cardiaci, come cardiopalmo, vertigini o perdite di coscienza. È inoltre un esame prezioso per valutare pazienti con sospetta ischemia, una condizione caratterizzata da un apporto di sangue insufficiente al cuore, e per indagare le cause di dolore toracico di origine non definita. Attraverso la sua capacità di registrare l’attività cardiaca in maniera continuativa, l’Holter fornisce ai medici informazioni vitali per la diagnosi, consentendo di correlare i sintomi avvertiti dal paziente con le effettive anomalie del ritmo cardiaco. Questo aspetto è cruciale per stabilire la presenza di disturbi intermittenti o sotto-sintomatici, che altrimenti potrebbero sfuggire a esami più brevi e puntuali.

Come funziona l’holter cardiaco?

Il funzionamento dell’Holter cardiaco inizia con il collegamento del registratore portatile al paziente. Mediante l’utilizzo di elettrodi collegati a fili e piastrine adesive, l’attività elettrica del cuore viene continuamente rilevata e trasmessa al dispositivo, che la memorizza per l’intera durata dell’esame. Durante il periodo di monitoraggio, il paziente è incoraggiato a mantenere le sue normali attività quotidiane, facendo attenzione a non staccare le piastrine con movimenti bruschi. In caso di sintomi o disturbi, può essere premuto un pulsante sul dispositivo per segnalarlo, permettendo così una correlazione precisa tra l’evento sintomatico e l’attività cardiaca registrata. Dopo 24 ore, il dispositivo viene rimosso e i dati raccolti sono analizzati da un apparecchio esterno, che elabora i segnali elettrici e produce un report dettagliato dell’attività cardiaca del paziente. L’applicazione del dispositivo è rapida, richiedendo circa 15 minuti, ma il monitoraggio esteso a 24 ore fornisce una visione comprensiva e accurata della salute cardiaca, guidando efficacemente i successivi passi diagnostici o terapeutici.

L’Holter Cardiaco

Chiama i nostri numeri

PALERMO

CARINI